Statuto dell’Associazione culturale AsiaTeatro

 

Art. 1 – Denominazione e sede

1.1 È costituita l’associazione culturale “ASIATEATRO”.

1.2 L’Associazione non ha scopo di lucro e ha durata illimitata.

1.3 L’Associazione ha sede in Milano, via Padova 60. Un eventuale cambiamento della sede non richiede una modifica di statuto.

Art. 2 – Finalità

2.1 L’Associazione si propone di:

diffondere la conoscenza delle arti teatrali dell’Asia (India, Cina, Giappone e altri Paesi asiatici); promuovere gli studi e la costituzione di banche dati sulla materia; favorire gli scambi tra studiosi, cultori della materia, artisti; contribuire a una più approfondita comprensione interculturale reciproca tra l’Europa e l’Asia.

L’Associazione persegue anche finalità di solidarietà sociale e ha tra i suoi scopi principali la formazione e l’ampliamento degli orizzonti didattici di educatori, insegnanti e operatori sociali e l’aggiornamento del personale della scuola.

2.2 L’Associazione potrà partecipare quale socio ad altri circoli e/o associazioni aventi scopi analoghi, nonché partecipare ad enti con scopi affini. Collabora con amministrazioni pubbliche e private, con istituzioni culturali e di ricerca, accademie, università, fondazioni e circoli italiani e stranieri, ritenuti idonei a predetti scopi, stipulando con essi, se opportuno, accordi e convenzioni.

2.3 L’Associazione opera attraverso i seguenti strumenti:

produzione e gestione di siti web, riviste telematiche o a stampa; organizzazione di conferenze, seminari, corsi, convegni, spettacoli, mostre. Può inoltre: conferire premi e borse di studio; produrre, commissionare e distribuire ricerche, traduzioni, materiale informativo, opere dell’ingegno di ogni genere, su ogni tipo di supporto; produrre, stampare, distribuire, porre in vendita ogni tipo di pubblicazione; produrre, acquistare, distribuire, proiettare filmati, registrazioni e ogni altro tipo di audiovisivo; esplicare ogni altra attività coerente con i fini statutari.

Art. 3 – Soci

3.1 Possono conseguire la qualità di Soci dell’Associazione, secondo la procedura ed i requisiti quivi previsti, quei soggetti che condividono le finalità dell’Associazione, lo spirito e gli ideali.

3.2 I Soci dell’Associazione si distinguono in:

a) Soci Fondatori; b) Soci Ordinari; c) Soci Sostenitori; d) Soci Onorari.

3.3 Sono Soci Fondatori tutti coloro che sono intervenuti nell’atto costitutivo dell’Associazione e hanno contribuito a insediare il primo Consiglio Direttivo. I Soci Fondatori sono di diritto membri del Comitato Scientifico.

3.4 Sono Soci Ordinari le persone fisiche o giuridiche che manifestano un interesse continuativo per gli scopi dell’associazione e che intendono dare il proprio contributo alle sue attività. I Soci Ordinari, per la durata del vincolo associativo, s’impegnano a corrispondere la quota sociale annuale stabilita dal Consiglio Direttivo.

3.5 Sono Soci Sostenitori le persone fisiche o giuridiche che contribuiscono in modo tangibile alla promozione dell’attività dell’Associazione attraverso la loro opera o il loro sostegno finanziario.

3.6 Possono essere nominati dall’Assemblea quali Soci Onorari, a maggioranza assoluta e su proposta del Presidente dell’Associazione e del Consiglio Direttivo, quelle persone o enti ai quali si riconoscano meriti culturali eccezionali nella realizzazione degli scopi che l’Associazione si prefigge.

Art. 4 – Acquisto della qualità di Socio

4.1 L’ammissione dei Soci Ordinari e dei Soci Sostenitori è deliberata dal Consiglio Direttivo, previa domanda scritta nella quale il Socio si assume lo specifico impegno di rispettare il presente Statuto, i regolamenti e le decisioni dell’Associazione.

4.2 I pieni diritti di Socio vengono acquisiti e mantenuti con il tempestivo pagamento della quota sociale annuale (da cui sono esentati i Soci Onorari).

4.3 Le quote sociali versate non sono in alcun modo ripetibili, né in caso di scioglimento del singolo rapporto associativo né in caso di scioglimento dell’Associazione, né sono trasmissibili, se non nel caso di successione a causa di morte.

Art. 5 – Diritti dei Soci

5.1 I Soci hanno parità di dignità ed esercitano il loro diritto di voto in accordo a quanto stabilito nel presente Statuto e nelle eventuali altre disposizioni applicabili all’Associazione.

5.2 I Soci devono impegnarsi nell’interesse comune a contribuire al conseguimento delle finalità che l’associazione si propone secondo le norme del presente Statuto e quelle dei regolamenti che verranno emanati dal Consiglio Direttivo e la cui osservanza è obbligatoria per gli associati.

5.3 Il numero dei Soci è illimitato. In base alle disposizioni di legge, tutti i dati personali raccolti saranno soggetti alle disposizioni di legge.

Art. 6 – Perdita della qualità di Socio

6.1 Si decade dalla qualità di Socio: a) per dimissioni; b) per morosità; c) per delibera dell’Assemblea dei Soci adottata: 1) in seguito a comportamento del Socio contrario alle finalità dell’Associazione, con la maggioranza dei due terzi dei Soci presenti; 2) per altri gravi motivi, con la maggioranza assoluta.

6.2 L’esclusione opera automaticamente in caso di morosità nel versamento della quota annuale protrattasi per oltre tre mesi.

6.3 La riammissione del Socio può essere deliberata solo dopo che siano venute a cessare le cause che l’hanno determinata.

Art. 7 – Comitato Scientifico

Il Comitato Scientifico è composto dai Soci Fondatori più tutti coloro che il Comitato stesso coopterà. Ha il compito di fissare gli standard qualitativi dell’operato culturale dell’Associazione e di controllare che gli scopi statutari vengano perseguiti. In particolare, sono di sua competenza la curatela e la gestione dei siti web e delle pubblicazioni dell’Associazione.

Art. 8 – Organi sociali

8.1 Gli organi dell’Associazione sono:

a) l’Assemblea generale dei Soci;

b) il Presidente;

c) il Vicepresidente;

d) il Segretario Generale;

e) il Consiglio Direttivo;

f) il Tesoriere;

g) il Revisore dei Conti Unico.

Art. 9 – Assemblea generale dei Soci

9.1 L’Assemblea generale dei Soci è costituita da tutti i Soci. Ogni Socio ha diritto ad esprimere un solo voto.

9.2 L’Assemblea generale dei Soci è convocata dal Consiglio Direttivo almeno una volta all’anno per l’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo e, quando occorra, per la nomina dei membri del Consiglio Direttivo, del Revisore dei Conti Unico. L’Assemblea deve inoltre essere convocata ogni qualvolta il Consiglio Direttivo ne ravvisi la necessità o quando ne sia fatta richiesta motivata da almeno un decimo degli associati.

9.3 L’Assemblea è convocata, a cura del Presidente ovvero del Segretario Generale, con avviso contenente l’indicazione del giorno, dell’ora, del luogo dell’adunanza e l’elenco dei punti da trattare, pubblicato sul sito web dell’associazione e spedito ad ogni Socio, agli indirizzi dallo stesso comunicati, a mezzo lettera ovvero fax ovvero messaggio di posta elettronica ovvero mezzi equipollenti, almeno sette giorni prima della data fissata. L’avviso di convocazione fisserà anche la data per la seconda convocazione che può aver luogo nello stesso giorno.

9.4 Hanno diritto al voto i Soci che si dimostrino in regola con il pagamento di tutte le quote sociali annuali ed altri pagamenti eventualmente dovuti all’Associazione.

9.5 L’Assemblea è validamente costituita in prima convocazione con la presenza dei due terzi dei Soci; si riterrà validamente costituita in seconda convocazione qualunque sia il numero dei Soci presenti.

9.6 L’Assemblea viene presieduta dal Presidente dell’Associazione, in sua assenza dal Segretario Generale, e procede alla nomina di un segretario dell’Assemblea. Delle riunioni dell’Assemblea è redatto processo verbale firmato dal Presidente e dal segretario dell’Assemblea che viene conservato presso la sede dell’Associazione.

9.7 Le deliberazioni dell’assemblea sono prese a maggioranza di voti dei presenti e con la presenza di almeno la metà degli aventi diritto al voto. In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti. Nelle deliberazioni che riguardano la loro responsabilità i consiglieri non hanno voto. Per le deliberazioni concernenti modifiche dello Statuto, lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio occorre la presenza di almeno tre quarti degli aventi diritto al voto ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti. Le votazioni delle assemblee avvengono in modo palese per l’approvazione dei bilanci consuntivo e preventivo, a scrutinio segreto negli altri casi, salvo diversa deliberazione dell’assemblea stessa.

9.8 L’Assemblea ha i seguenti compiti esclusivi non derogabili: eleggere il Consiglio Direttivo; il Revisore dei Conti Unico, e altri organi dell’Associazione ove non diversamente previsto; approvare il bilancio consuntivo e il bilancio preventivo; approvare i regolamenti interni; approvare le modifiche allo Statuto e deliberare lo scioglimento dell’Associazione; deliberare sull’esclusione dei Soci nelle ipotesi ad essa riservate.

Art. 10 – Consiglio Direttivo

10.1 Il Consiglio Direttivo è composto di un minimo di 3 membri e di un massimo di 5, eletti dall’Assemblea generale dei Soci.

10.2 Il Consiglio Direttivo dura in carica 3 anni ed è rieleggibile.

10.3 Il Consiglio Direttivo si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario o che ne sia fatta richiesta dalla maggioranza dei consiglieri. Le sedute del Consiglio Direttivo sono presiedute dal Presidente o, in sua assenza, dal Vicepresidente.

10.4 Il Consiglio Direttivo nomina tra i suoi membri il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario Generale e il Tesoriere che resteranno in carica quanto il Consiglio stesso.

10.5 Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo dell’Associazione e provvede a:

a) dare esecuzione alle delibere dell’Assemblea; b) esercitare tutti i poteri per il conseguimento delle finalità associative; c) amministrare il bilancio dell’Associazione; d) redigere i bilanci preventivi e consuntivi; e) nominare i rappresentanti dell’Associazione per il coordinamento e l’espletamento di particolari iniziative; f) deliberare su qualsiasi questione che non sia dal presente statuto espressamente demandata all’Assemblea o ad altri organi.

10.6 È fatto obbligo ai consiglieri di partecipare alle riunioni di Consiglio. Qualora un consigliere non partecipasse a tre riunioni consecutive senza giustificato motivo o, comunque, se inferiori, a quelle tenute nel corso di un intero esercizio sociale, è considerato decaduto.

Art. 11 – Presidente

11.1 Il Presidente del Consiglio Direttivo è anche il Presidente dell’Associazione e rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti di terzi ed in giudizio; resta in carica per 3 anni ed è sempre rieleggibile.

11.2 Il Presidente presiede il Consiglio Direttivo e ne cura l’esecuzione delle deliberazioni. È garante della corretta applicazione dei deliberati dell’Assemblea da parte degli organi dell’Associazione e convoca un’Assemblea straordinaria se ritiene che gli organi direttivi dell’Associazione non siano fedeli al loro mandato o nel caso di loro protratto mancato funzionamento. Sottoscrive gli atti amministrativi compiuti dall’associazione e compie tutti gli atti di amministrazione nei confronti di terzi, può conferire procure speciali e generali per la difesa in giudizio ovvero per lo svolgimento di specifiche attività (previa delibera del Consiglio Direttivo). Può eseguire le operazioni di pagamento ed incasso sui conti correnti dell’Associazione, nei limiti individuati dal Consiglio Direttivo e in accordo con il Tesoriere.

11.3 In caso di sua assenza o di impedimento le sue funzioni sono svolte dal Vicepresidente.

Art. 12 – Vicepresidente

12.1 Il Vicepresidente ha il compito di coadiuvare il Presidente e rappresentare il Consiglio in caso di assenza o impedimento del Presidente, e compiere gli atti di amministrazione che gli vengono conferiti. Resta in carica 3 anni ed è sempre rieleggibile.

Art. 13 – Segretario Generale

13.1 Il Segretario Generale coordina le attività dell’Associazione nell’ambito delle direttive impartite dal Consiglio Direttivo e dall’Assemblea dei Soci. Resta in carica 3 anni ed è sempre rieleggibile.

13.2 Al Segretario Generale compete la redazione dei verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo che sottoscrive unitamente al Presidente. A richiesta del Presidente, convoca il Consiglio Direttivo. Convoca l’Assemblea Ordinaria dei Soci. A richiesta del Consiglio Direttivo o di un terzo dei Soci Ordinari, convoca l’Assemblea straordinaria. Può adottare provvedimenti d’urgenza che verranno sottoposti a ratifica alla prima riunione del Consiglio Direttivo.

Art. 14 – Tesoriere

14.1 Il Tesoriere dura in carica tre anni ed è rieleggibile. La carica è cumulabile con una delle altre cariche.

14.2 Al Tesoriere competono il coordinamento e l’organizzazione di tutta l’attività economica dell’Associazione, nell’ambito delle direttive impartite dal Consiglio Direttivo e dall’Assemblea dei Soci. Può eseguire le operazioni di pagamento e incasso sui conti correnti dell’Associazione su mandato del Presidente e nei limiti individuati dal Consiglio Direttivo.

Art. 15 – Revisore dei Conti Unico

15.1 Il Revisore dei Conti Unico viene eletto dall’Assemblea dei Soci, anche tra persone non associate, a maggioranza semplice. Non deve essere né componente del Consiglio Direttivo né impiegato dell’Associazione.

15.2 Il Revisore dei Conti Unico provvede a controllare gli atti di gestione, accertare la regolare tenuta dei libri e delle scritture contabili, esaminare il bilancio di previsione e le relative variazioni e il conto consuntivo, redigendo apposite relazioni.

Art. 16 – Gratuità delle cariche e dimissioni

16.1 Tutte le cariche elettive sono gratuite. Ai componenti degli organi dell’Associazione compete solo il rimborso delle spese varie regolarmente documentate.

16.2 Le dimissioni di qualsiasi membro degli organi dell’Associazione devono essere inoltrate in forma scritta al Presidente, il quale provvederà a convocare immediatamente un’Assemblea dei Soci straordinaria. In detta riunione sarà valutato il caso di accettare o rifiutare dette dimissioni e, in caso di accettazione delle dimissioni ovvero di dimissioni irrevocabili, si provvederà alla relativa nomina sostitutiva.

Art. 17 – Patrimonio dell’Associazione

17.1 Le risorse economiche dell’Associazione sono costituite da: beni, immobili e mobili che diverranno di proprietà dell’Associazione; fondi derivati da eventuali eccedenze di bilancio; contributi, donazioni, legati e lasciti; rimborsi; ogni altro tipo di entrata.

17.2 I contributi dei Soci sono costituiti dalle quote di associazione annuale, stabilite dal Consiglio Direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall’Assemblea, che ne determina l’ammontare.

17.3 Le elargizioni in denaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dall’Assemblea, che delibera sulla utilizzazione di esse, in armonia con finalità statutarie dell’organizzazione.

17.4 È vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art. 18 – Bilancio

18.1 L’esercizio finanziario si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Alla fine di ciascun esercizio il Consiglio direttivo procederà alla redazione del bilancio da presentare per l’approvazione, unitamente al programma dell’attività per il nuovo esercizio ed al preventivo delle spese, all’assemblea da convocarsi entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio.

Art. 19 – Modifiche allo Statuto

19.1 Il presente Statuto può essere modificato dall’Assemblea Generale con la maggioranza dei due terzi dei Soci presenti.

19.2 L’oggetto sociale non è materia di modifica.

19.3 L’Assemblea può deliberare lo scioglimento dell’Associazione a maggioranza dei tre quarti dei Soci iscritti. In caso di scioglimento, la liquidazione sarà curata dal Consiglio Direttivo sotto il controllo del Revisore dei Conti Unico. Il Consiglio Direttivo destinerà gli eventuali fondi patrimoniali o i fondi residui a Istituzioni italiane aventi finalità similari.

Art. 20 – Disposizioni finali

20.1 Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigenti in materia.

Milano, 23 ottobre 2011

Atto costitutivo registrato il 28/10/2011 al n. 8769 serie 3

AsiaTeatro
sede legale: Via Padova 60
20131 Milano
codice fiscale 97605610159

 

__________

Pubblicato in AsiaTeatro, Anno II (2012)