Corso di storia ed estetica del teatro giapponese

 

La maschera e il corpo
Corso di storia ed estetica
del teatro giapponese

a cura di Asiateatro (www.asiateatro.it)
Teatro Elfo Puccini | ottobre 2018 – febbraio 2019

 

Otto lezioni per conoscere la grande tradizione teatrale giapponese, dalle origini nel mito e nel rito alla fioritura dei generi classici (nō, kabuki, bunraku) fino al teatro-danza contemporaneo. Ancora carico della magia dei riti antichi della possessione sciamanica eppure capace di costante rinnovamento, il teatro giapponese è il modello di un “teatro totale” che ha affascinato le avanguardie europee. Scopriremo la sua storia e le sue tecniche attraverso video, immagini e testi in compagnia delle docenti Carmen Covito e Rossella Marangoni, presidente e vicepresidente di AsiaTeatro.

Corso introduttivo: 8 lezioni con cadenza quindicinale, il giovedì dalle ore 18.30 alle ore 20.30

Calendario:  25 ottobre, 8 e 22 novembre, 6 dicembre 2018, 17 e 31 gennaio, 14 e 28 febbraio 2019

Costo: € 200 (sconto 10% a studenti e abbonati Elfo)  + € 10 quota di iscrizione all’associazione culturale AsiaTeatro per chi non è ancora socio.

Dove: Teatro Elfo Puccini – Corso Buenos Aires 33 – Milano

Il programma del corso:

  1. Introduzione storico-antropologica. Le forme più antiche della rappresentazione in Giappone (kagura, sarugaku, gigaku, bugaku)
  2. Le forme classiche: il nō (parte prima)
  3. Le forme classiche: il nō (parte seconda)
  4. Le forme classiche: il kyōgen
  5. Le forme classiche: il bunraku
  6. Le forme classiche: il kabuki (parte prima)
  7. Le forme classiche: il kabuki (parte seconda)
  8. Il recupero della tradizione nel teatro danza contemporaneo.

L’ordine delle lezioni è indicativo e potrebbe cambiare in caso di necessità.

Poiché sono stabiliti un numero minimo e un numero massimo di iscritti, preghiamo le persone interessate di inviare una mail di preiscrizione con i propri recapiti all’indirizzo: web@asiateatro.it

_____

Per altre informazioni visita i siti:

www.asiateatro.it

www.elfo.org

www.carmencovito.com

www.rossellamarangoni.it

 

 

__________

Pubblicato in AsiaTeatro, Anno VIII (2018)

Pubblicato in Corsi | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Corso di storia ed estetica del teatro giapponese

Conferenza al Mudec: la fortuna del kimono

“La fortuna del kimono in Europa tra Ottocento e Novecento”
conferenza di Rossella Marangoni
MUDEC – Museo delle Culture, via Tortona 56 – Milano
Giovedì 28 giugno 2018 ore 19.00

In collaborazione con l’associazione Cultural Paths e con l’associazione AsiaTeatro

In occasione del progetto espositivo “Dal batik all’Art Nouveau. Il filo che unisce oriente e occidente” presso lo Spazio delle Culture Khaled Al-Asaad fino al prossimo 26 agosto, il Mudec è lieto di ospitare l’incontro della dottoressa Rossella Marangoni che focalizzerà l’attenzione sull’arte dei kimono e sulla moda del “giapponismo” in Europa nel periodo a cavallo tra Ottocento e Novecento.

Rossella Marangoni, laureata in Lingua e Letteratura giapponese all’Università di Torino, è una studiosa e ricercatrice in particolare sulle tematiche collegate all’esperienza del sacro in Giappone e alla cultura teatrale ed estetica del periodo Edo. Autrice di Zen, dizionario iconografico, opera tradotta in più lingue, e di numerosi saggi sulla cultura giapponese, è membro dell’ Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi.

 

Incontro a ingresso gratuito fino esaurimento posti (max. 20 persone).
Per informazioni e prenotazioni, inviare mail a: fortuna.pellegrini@fortcom.it

George Hendril Breitner (1857-1923), La ragazza in kimono rosso (Geesje Kwak), olio su tela, Amsterdam, coll. privata.

__________

Pubblicato in AsiaTeatro, Anno VIII (2018)

Pubblicato in associazione culturale, Conferenze | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Conferenza al Mudec: la fortuna del kimono

Noh: conferenza-spettacolo a Roma

Nō lecture-demonstration
Salone Muromachi – il mondo del teatro Nō
giovedì 28 giugno 2018 ore 18-20

Istituto Giapponese di Cultura, via Antonio Gramsci 74
00197 Roma

Organizzazione: Ambasciata del Giappone in Italia/Istituto Giapponese di Cultura in Roma
Intervengono: Kazufusa Hōshō, Norikazu Morita, Yoshiaki Iitomi, Takanori Kakihara, Daijirō Tatsumi, Hajime Tazaki, prof. Bonaventura Ruperti (Università Ca’ Foscari, Venezia)

Programma:

• atto d’apertura Otokomai
• conferenza “Dalla cultura Muromachi alle tecniche del Nō”
• atto principale Kiyotsune
• mostra di maschere e costumi (da definire)

Kazufusa Hōshō in scena

Il teatro Nō, nato in epoca Muromachi (1336-1573): Kazufusa Hōshō, ventesimo sōke, erede legittimo della scuola Hōshōryū, ce ne spiega segreti e innovazioni, illustrando in maniera comprensibile a tutti il valore del teatro Nō nella società contemporanea.

ingresso libero fino a esaurimento posti

__________

Pubblicato in AsiaTeatro, Anno VIII (2018)

Pubblicato in Conferenze, Spettacoli | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Noh: conferenza-spettacolo a Roma

Festival di Spilamberto

Una performance di Nō, una mostra di quadri e manga (a cura di Tomoka Horaguchi) con i personaggi del teatro Nō per soggetto e un seminario di danza tradizionale giapponese (a cura della maestra Kumiko Kawanishi) sono nel programma della prima edizione del Festival interculturale “Incontra” di Spilamberto (MO) dedicato al Giappone:

domenica 13 maggio 2018

Per il seminario di danza iscrizioni entro il 11/05/2018
all’indirizzo e-mail
cultura@comune.spilamberto.mo.it
fino ad esaurimento dei posti disponibili. Le quote di iscrizione dovranno essere versate direttamente il giorno dell’evento alla segreteria organizzativa un quarto d’ora prima dell’accesso al corso.
Vedi tutto il programma:
https://www.comune.spilamberto.mo.it/allegati/12335/INCONTRA_pieghevole_WEB.pdf

 

__________

Pubblicato in AsiaTeatro, Anno VIII (2018)

Pubblicato in Festival | Commenti disabilitati su Festival di Spilamberto

Nanafuku Tamagawa

Asiateatro e Teatro dell’Elfo presentano:

NARRAZIONI MELODICHE DEL GIAPPONE

Nanafuku Tamagawa (Rōkyoku-shi) e Mifune Sawamura (shamisen)
interpretano

SENDAI NO ONIFUFU (L’INVINCIBILE COPPIA DI SENDAI)
CENERENTOLA (adattamento per Rōkyoku della Cenerentola di Charles Perrault, a cura di Nanafuku Tamagawa)

introducono Matilde Mastrangelo e Stefano Romagnoli (Dipart. ISO “Sapienza” Università di Roma)

Teatro Elfo Puccini
Corso Buenos Aires 33 – Milano
sala Bausch | lunedì 11 giugno 2018
ore 19:30

coproduzione Asiateatro e Teatro dell’Elfo
in collaborazione con Agenzia degli Affari Culturali del governo giapponese, Istituto Giapponese di Cultura/Japan Foundation, Istituto Italiano di Studi Orientali Università di Roma Sapienza.

Una cantastorie dei nostri giorni, accompagnata dalla suggestiva musica dello shamisen, declamerà in chiave Rōkyoku due affascinanti storie leggendarie: Sendai no onifufu (L’invincibile coppia di Sendai), tratta dalla tradizione fiabesca giapponese, e Cenerentola, reinterpretazione originale di Nanafuku Tamagawa della celeberrima fiaba di Charles Perrault. Sul palco, con la sua irrefrenabile verve di declamatrice Rōkyoku, la stessa Nanafuku Tamagawa (attrice, autrice, produttrice di eventi Rōkyoku), affiancata allo shamisen da Mifune Sawamura.
Lo spettacolo, in lingua originale con sottotitoli in italiano, sarà preceduto da un’introduzione a cura della prof.ssa Matilde Mastrangelo e del dott. Stefano Romagnoli della “Sapienza” Università di Roma.

 

 

©foto di Yoshinori Mido

Nanafuku Tamagawa, declamatrice Rōkyoku

Allieva di Fukutaro Tamagawa II, nel 1995 debutta nel mondo delle arti declamatorie come musicista di shamisen per Rōkyoku. Affascinata allo stesso tempo dal ruolo di narratore, nel 2001 interrompe la carriera di musicista per dedicarsi alla declamazione. Dal 2004 lavora anche come produttrice e curatrice di adattamenti per Rōkyoku di celebri storie come Cenerentola e La Traviata. Nel 2006 assume il nome d’arte Nanafuku, congedandosi dal vero nome Mihoko. La sua versatilità le offre spesso occasioni di collaborazione con artisti e musicisti di diversi ambiti performativi e musicali. Insegna presso la Kyoto University of Art and Design. È stata nominata “ambasciatrice culturale del Giappone” per l’anno 2018 dall’Agenzia per gli Affari Culturali del governo giapponese, con il compito di far conoscere all’estero la sua arte.

 

©foto di Yoshinori Mido

Mifune Sawamura, shamisen

Originaria della Prefettura di Chiba, durante gli studi universitari Sawamura subisce il fascino della musica del gidayu shamisen (un tipo di shamisen a metà tra il nagauta e lo Tsugaru shamisen) e, in particolare, rimane colpita dall’abilità della musicista Toyoko Sawamura, ascoltata in occasione di uno spettacolo al teatro Kibatei e della quale divenetrà poi allieva. Durante le performance Rōkyoku, Sawamura entra in perfetta simbiosi con il declamatore, impegnandosi affinché ogni nota diventi come la pennellata di un pittore che dipinge di fronte allo spettatore lo scenario del racconto recitato.

 

Il Rōkyoku è un’arte performativa che include elementi narrativi – recitati o cantati da un declamatore – e musica dello shamisen, strumento a tre corde della famiglia del liuto. Nota in passato col nome naniwa-bushi, ebbe origine all’inizio dell’epoca Meiji (1868-1912). Il narratore racconta una storia nella forma di monologo, seguendo una certa intonazione indicata dal musicista dello shamisen. Lo strumento necessita di una accordatura specifica, detta sansagari (accordatura MI-LA-RE). Nato come evoluzione/reinterpretazione di sermoni e canti religiosi, il Rōkyoku si trasforma nel tempo in arte performativa di strada, raccontando i sentimenti della gente comune, incluse obbligazioni morali, empatie, spirito cavalleresco, lealtà, dubbi, amore e via dicendo. Se si confronta con altri generi declamatori (rakugo, kodan), il Rōkyoku si distingue per la mancanza di uno stile codificato; la formazione del narratore (Rōkyokushi) inizia emulando stile e tecnica del proprio maestro, ma ci si aspetta che ogni artista acquisisca un proprio linguaggio espressivo, unico e distintivo; tale unicità è anche il motivo per cui il Rōkyoku non ha i presupposti per essere riconosciuto ufficialmente come un genere di performance tradizionale, non esistendo una tradizione formalizzata. Voce, intonazione e tecnica declamatoria “tanka” – dal tono caustico e pungente – sono gli elementi caratterizzanti il monologo Rōkyoku e ne costituiscono anche l’intrinseca complessità.

 

SENDAI NO ONIFUFU/L’INVINCIBILE COPPIA DI SENDAI

Appartenente al repertorio classico del rōkyoku, racconta la storia di O-Sada – la più bella fanciulla di Sendai, nonché abilissima spadaccina di alabarda (naginata) – e Senzaburō, uno scommettitore dalla vita sregolata che la chiede e ottiene in sposa.

Ogni mattina O-Sada consegna a Senzaburō 1 ryō e lo manda a fare scommesse, e puntualmente l’uomo perde, e torna a casa senza denaro. La cosa va avanti così per giorni, finché una mattina O-Sada ammonisce il marito dicendogli che potrà ottenere il denaro per le scommesse solo se sarà in grado di vincerla a duello.

Nettamente superiore per tecnica e abilità, O-Sada vince più volte Senzaburō con facilità e solo dopo un lungo addestramento presso un rinomato dōjō, l’uomo riesce a terminare il duello in assoluta parità. O-Sada a quel punto getta via l’alabarda e loda il marito per il livello raggiunto. Da allora i due coniugi, conosciuti con l’appellativo Sendai no onifufu (l’invincibile coppia di Sendai), vissero a lungo felici e contenti.

 

 

TEATRO ELFO PUCCINI
CORSO BUENOS AIRES 33 
20124 MILANO
www.elfo.org
Biglietteria +39 02.00.66.06.06
biglietteria@elfo.org
Orari Biglietteria

ACQUISTA I BIGLIETTI ONLINE

 

Nanafuku Tamagawa presenta il suo spettacolo anche a Roma e a Trieste:

martedì 29 maggio 2018 ore 19
Istituto Giapponese di Cultura
Via Antonio Gramsci, 74  – 00197 ROMA
http://www.jfroma.it/narrazioni-melodiche-del-giappone/

martedì 12 giugno 2018 ore 19
Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl”
Palazzo Gopcevich
via Rossini 4 – 34132 Trieste

http://www.museoschmidl.it

 

 

__________

Pubblicato in AsiaTeatro, Anno VIII (2018)

Pubblicato in Spettacoli | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Nanafuku Tamagawa