HARA FEST meets BALI

da martedì 12 a venerdì 15 maggio a Napoli
Workshop, cineforum, seminari e lo spettacolo “Sidha Karya: lo Straniero Divino” per conoscere il teatro-danza balinese con un ospite d’eccezione: il maestro I Made Djimat. Aperte le iscrizioni ai workshop e le prenotazioni per lo spettacolo.

hara-2015

Quanto è lontana culturalmente l’isola di Bali, in Indonesia, e quanto è diverso il suo teatro-danza? Esistono punti di contatto tra le sue maschere colorate e quella della nostra tradizione popolare? Per rispondere a queste e ad altre domande l’associazione teatrale Aisthesis e la cooperativa En Kai Pan hanno organizzato “Hara Fest meets Bali” (da martedì 12 a venerdì 15 maggio a Napoli): workshop, cineforum, seminari e lo spettacolo “Sidha Karya: Lo Straniero Divino” per conoscere da vicino il teatro-danza balinese con un ospite d’eccezione: il maestro I Made Djimat, per la prima volta a Napoli.

Il progetto è realizzato con il contributo dell’Istituto Banco di Napoli – Fondazione, con il patrocinio dell’Ambasciata Indonesiana di Roma, in collaborazione con l’associazione culturale The Pirate ship, il Consolato Indonesiano di Napoli, l’Università degli Studi L’Orientale di Napoli e, in particolare, le cattedre di Lingua e Letteratura Indonesiana e di Storia del Teatro dell’Università L’Orientale di Napoli.

“Hara Fest propone un’idea differente di teatro: non una semplice vetrina di spettacoli internazionali, ma un luogo d’incontro tra le culture. Hara Fest è un contenitore di esperienze (spettacoli, conferenze, masterclasses intensivi, videoforum) che permette il confronto tra culture e tradizioni teatrali provenienti da Oriente e Occidente, al fine non di accogliere l’altro nella propria cultura, riducendone il grado di diversità, ma di aumentare la consapevolezza dell’altro, allo scopo di favorire la nascita di una transcultura, una cultura che abiti nel luogo d’incontro tra le culture” afferma il direttore artistico Luca Gatta. Hara è una parola giapponese che indica la sorgente dell’energia vitale, un punto situato nel corpo umano e per sua natura mobile. Per questa ragione una delle caratteristiche di Hara Fest è l’erranza. Hara Fest non si svolge mai nello stesso luogo e mai con le stesse azioni, è un festival in continuo movimento ed evoluzione.

Hara Fest nasce nel 2008 e dal 2014 è a Napoli, dove organizza un festival transculturale di teatro internazionale con cadenza biennale. Durante l’intervallo di due anni tra un festival e l’altro, si organizzano azioni di incontro specifiche.

Per maggio 2015 il focus è su Bali, con il progetto Hara Fest meets Bali, quattro giorni (12-15 maggio) di scambio sulle danze rituali balinesi e la loro enorme influenza sul teatro del Novecento con il grande Maestro I Made Djimat, protagonista dello spettacolo teatrale “Sidha Karya: Lo Straniero Divino” ma anche docente d’eccezione, insieme ad Enrico Masseroli, del workshop teatrale “Taksu, l’attore e la maschera”: 12 ore suddivise in tre giornate per apprendere i fondamenti della danza balinese partendo dalla danza guerriera Baris fino ad approdare al ricco campionario delle maschere Topeng. I personaggi, rappresentati da queste raffinate maschere in legno, si muovono secondo precise direttive dettate dal loro rango sociale: alle stilizzate posture e ai passi di danza dei nobili si contrappone la libertà sfrenata dei buffoni. Il workshop servirà a conoscere, nel dettaglio, il respiro della maschera, la composizione della partitura fisica, la connotazione del carattere, la deformazione grottesca, i ritmi dei lazzi comici, l’improvvisazione. Principi e fondamenti di drammaturgia del personaggio che trovano riscontri e sviluppi in altri contesti e con altre maschere.

Per comprendere meglio i fondamenti culturali del teatro balinese, si svolgerà mercoledì 13 maggio, alle ore 10:00 (sala Roberto Marrama, Archivio Storico Fondazione Banco di Napoli, via Tribunali 231, Napoli) il seminario di studi eurasiani “L’Altro nello sguardo dell’Altro” in collaborazione con l’Università L’Orientale di Napoli, la cattedra di Lingua e Letteratura Indonesiana, il Consolato di Napoli e l’Ambasciata Indonesiana in Italia. Parteciperanno Luca Gatta, direttore artistico di Hara Fest, il maestro I Made Djimat, i docenti Paolo Sommaiolo, e Antonia Soriente (Università degli studi di Napoli “L’Orientale”), Carmencita Palermo (Università della Tasmania), Vito Di Bernardi e Giovanni Giuriati (Università degli studi di Roma “La Sapienza”) e Daniela Tortora, (Conservatorio di Napoli “San Pietro a Majella”). Una giornata di studi, coordinati da Stefania Bruno dottoressa in Storia del Teatro, per scoprire meglio Bali, tra Oriente e Occidente, nella letteratura, nella musica, nei riti e nello spettacolo in generale partendo dall’incontro del regista francese Antonin Artaud con il teatro balinese, durante l’Esposizione coloniale di Parigi nel 1931, considerato un avvenimento erompente nella scena del pensiero teatrale contemporaneo. Durante il seminario sarà proiettato anche il cortometraggio “Charlie Chaplin visita Bali”, un video inedito di 12 minuti girato nel 1932 che documenta il viaggio del grande attore sull’isola indonesiana.

Altri documenti video saranno proiettati nel corso del cineforum “L’Isola degli Dei”.

 harafest-poster-2015

PROGRAMMA

12 MAGGIO

ORE 15,00 – 19,00
WORKSHOP “Taksu, l’attore e la Maschera”
condotto dal Maestro I Made Djimat con Enrico Masseroli
Chiesa di San Tommaso, via dei Tribunali 216

ORE 19,00 – 21,30
CINEFORUM
– “Dance and trance in Bali” di Margaret Mead (Usa, 1933, 20′)
– “Insel der dämonen” di Baron Viktor von Plessen/ Friedrich Dalsheim. (Europa Film 1933 80’)
Archivio Storico della Fondazione Banco di Napoli, Sala Marrama, via dei Tribunali 231

13 MAGGIO

Ore 10.00 – 14.00
INCONTRO “L’altro nello sguardo dell’altro” con
DIMOSTRAZIONE DI LAVORO di teatro balinese e
Proiezione del film “Charlie Chaplin visita Bali” (Usa, 1932, 12′)
Archivio Storico della Fondazione Banco di Napoli, Sala Marrama, via dei Tribunali 231

ORE 15.00 – 19.00
WORKSHOP
“Taksu, l’attore e la Maschera”
condotto dal Meastro I Made Djimat con Enrico Masseroli
Chiesa di San Tommaso, via dei Tribunali 216

14 MAGGIO
ORE 10,00 – 14,00
WORKSHOP
“Taksu, l’attore e la Maschera”
condotto dal Meastro I Made Djimat con Enrico Masseroli
Chiesa di San Tommaso, via dei Tribunali 216

Ore 19.00 – 21.00
SPETTACOLO TEATRALE
“Sidha Karya: lo straniero divino”
con il Maestro I Made Djimat
Istituto Paritario Giovanna D’Arco, Piazzetta Rosario a Portamedina 22

15 MAGGIO

ORE 16.00 – 18.00
CINEFORUM
– “Goona-Goona: an Authentic Melodrama of the Isle of Bali” di André Roosevelt (Francia/Usa, 1932, 65′)
– “Legong: dance of the virgins” by Henry De La Falaise (Usa 1935, 50′)
Archivio Storico della Fondazione Banco di Napoli, Sala Marrama, via dei Tribunali 231

Per partecipare ai workshop è necessario prenotarsi entro venerdì 8 maggio telefonando al numero 339. 6235295 oppure scrivendo ad harafest [AT] gmail.com
Max 25 partecipanti. Quota d’iscrizione 80 euro, previste riduzioni per gruppi.

Stessa mail e stesso numero di telefono per le prenotazioni per lo spettacolo “Sidha Karya: Lo Straniero Divino” (giovedì 14 maggio ore 20:00)

L’incontro “L’altro nello sguardo dell’altro” e le proiezioni che rientrano nel cineforum sono gratuiti.

HARA FEST
TEL: 339 6235295
MAIL: harafest [AT] gmail.com
FB: facebook.com/Harafest

__________

Pubblicato in AsiaTeatro, Anno V (2015)

Questa voce è stata pubblicata in Conferenze, Festival, Spettacoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.