TTB Teatro tascabile di Bergamo

Il TTB Teatro tascabile di Bergamo – Accademia delle Forme Sceniche soc. coop. sociale è stato fondato nel 1973 da Renzo Vescovi sulla via aperta dal Teatr-Laboratorium di Jerzy Grotowski e dall’Odin Teatret di Eugenio Barba.
Ha la sua sede a Bergamo Alta, nell’ex-Monastero del Carmine, dove svolge la sua attività di teatro-laboratorio sviluppando la ricerca intorno al teatro in spazi aperti, al teatro-danza orientale, alla pedagogia ed alla drammaturgia dell’attore.

Il lavoro è svolto da un gruppo di persone che lavorano in maniera interattiva secondo il costume delle botteghe d’arte rinascimentali, con forme di regia collettive. Concependo il teatro come “centralità dell’attore”, il TTB investe particolarmente sulla formazione dell’artista e sul rapporto di questo con la realtà che lo circonda. Incontri e corsi per le scuole e il pubblico hanno lo scopo di promuovere la conoscenza qualificata della cultura teatrale rinsaldando le relazioni fra esecutori e fruitori. Si deve al TTB la conoscenza e la diffusione in Italia del teatro-danza orientale, ambito in cui è uno dei maggiori specialisti in Occidente.

Ecco una sintesi di tre studiosi di teatro geograficamente agli antipodi:
“[…] E’ un ‘gruppo-festival’, capace di riempire da solo una settimana di teatro con spettacoli diversi per genere e sapore. I gruppi-festival sono pochissimi: Els Comediants, l’Odin Teatret… […] nel panorama internazionale si contano sulle dita di una mano”. F. TAVIANI, “Lettera dall’Italia”, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma (e cfr. la “Rivista dei libri”, dove il TTB viene segnalato come ‘bene culturale vivente’ e “una ‘gemma di rinnovamento’ teatrale”).
“A theatre par exellence […] una svolta nel teatro contemporaneo”, “Current”, New Delhi, India.
“[…] nel Tascabile incontriamo una fonte di ricchezza spirituale propria dei grandi attori”, “Ultima hora”, La Paz, Bolivia.

Il Teatro Tascabile di Bergamo e l’Odin Teatret all’Aquila, alla fine del seminario “I teatri e le loro città”, 20 maggio 2004

Vedi alcuni video degli spettacoli nel canale Youtube del TTB:
https://www.youtube.com/channel/UC70osIMvpWrX8hrR2A03meQ

Visita il sito web del TTB per gli spettacoli e le manifestazioni in corso:
http://www.teatrotascabile.org/

Valse – spettacolo di strada del TTB, San Paulo (Brasile) 2011. Foto Carlos Yamaguchi

Con suoni e con canti- Caterina Scotti; Tiziana Barbiero; Alessandro.Rigoletti; Luigia Calcaterra; Simona Zanini; Giuseppe Chierichetti.
ph Dag Jenssen-Porsgrunn- Norvegia giugno 2006
Versione all’aperto e itinerante dello spettacolo “E d’ammuri t’arricuordi “, TTB

 

RENZO VESCOVI, un uomo di teatro a tutto tondo

A Renzo Vescovi, personaggio di grandissimo spessore umano e professionale, si deve la prima conoscenza e diffusione del teatro-danza indiano in Italia.

Nato a Mantova nel 1941, Renzo Vescovi si trasferisce dagli anni Cinquanta a Milano, dove si laurea in lettere classiche. Dopo un periodo dedicato all’insegnamento di lettere nelle scuole superiori di Milano e Bergamo e di impegno come lettore di italiano all’Università di Clermon Ferrand e assistente alla cattedra di Letteratura Italiana dell’Università Statale di Milano, lascia ogni forma di insegnamento per dedicarsi al teatro.
Attratto dallo studio e alla pratica del teatro di strada, Renzo realizza una dozzina di produzioni cui partecipa sia in veste di attore che di regista dilettante. L’incontro con Eugenio Barba e Jerzy Grotowski è determinante e nel 1973 si trasferisce a Bergamo dove forma, ispirandosi all’Odin Teatret, un gruppo di professionisti: il Teatro Tascabile di Bergamo (TTB) – Accademia delle Forme Sceniche, che dirige fino al 2005, anno della sua morte.
Dal 1973 la sua attività di autore, regista e organizzatore culturale si identifica con quella del TTB, il cui campo di esplorazione e pratica si amplia costantemente. Nel 1977 il rapporto con la danzatrice indiana di odissi Aloka Panikar induce gli artisti del Teatro Tascabile a un percorso di apprendimento delle tecniche di alcune forme di teatro-danza in India, paese in cui Renzo si recherà più volte e per lunghi periodi.
Nel 1981 Renzo fonda insieme al Guru Maya Dhar Raut della Bharatiya Kala Kendra di Nuova Delhi l’IXO, l’Istituto di Cultura Scenica Orientale per la promozione della conoscenza e della pratica del teatro, della musica e della danza orientale, cui si devono centinaia di iniziative, dagli spettacoli ai corsi, dai convegni ai progetti speciali.
Nella sua appassionata carriera Renzo realizza una trentina di festival internazionali, trentadue spettacoli (più di 3000 repliche per oltre un milione di spettatori) presentati in trentadue Paesi di quattro continenti e dodici film sul teatro per la TV Svizzera, la RAI, la TV indiana di Stato.
Autore di diversi saggi, è stato oggetto di oltre una ventina di tesi di laurea in una decina di università italiane e straniere.
Nel corso della sua esistenza Renzo raccoglie circa 1300 volumi sul teatro occidentale e asiatico e sulla filosofia e spiritualità di queste aree. Questo ricco e unico patrimonio è diventato il Fondo Renzo Vescovi, catalogato dalla Biblioteca Umanistica e a disposizione presso la sede del TTB per studenti e ricercatori. Tutti i volumi, donati all’Università di Bergamo nel 2011, sono facilmente rintracciabili nel catalogo delle Biblioteche dell’Università.

Renzo Vescovi nel 1988

Leggi nella sezione India alcuni testi di Renzo Vescovi, per gentile concessione del TTB:

Il Sapore della Danza

Perché l’India

 da Renzo Vescovi, “Scritti dal Teatro Tascabile” a cura di Mirella Schino, Bulzoni Editore.

 

__________

Pubblicato in AsiaTeatro, Anno VII (2017)